Psicologa

CONSULENZA E SOSTEGNO PSICOLOGICO INDIVIDUALE, ALLA COPPIA E ALLA FAMIGLIA: accoglienza, ascolto del disagio, analisi del problema presentato e ricerca della soluzione.

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA’: spazio di ascolto e di riflessione sui dubbi che possono sorgere nell’affrontare il ruolo genitoriale, attraverso colloqui di consulenza individuali o di coppia. L’obiettivo è di dare indicazioni e creare un contesto attivo attraverso il dialogo che possa permettere di condividere e valorizzare le risorse presenti in ogni singolo genitore o nella relazione di coppia genitoriale, al fine di promuovere strategie di intervento e di cambiamento. Verranno esplorati i compiti specifici che la famiglia deve affrontare, i fattori di rischio e di protezione che possono facilitare o impedire l’assolvimento dei compiti evolutivi.

VALUTAZIONE PSICODIAGNOSTICA CON L’AUSILIO DI TEST.

Mediatore familiare

E’ un aiuto fornito a coppie separate ed ha come scopo il raggiungimento di un accordo nel rispetto delle esigenze personali ed in particolare dei figli. La frequenza delle sedute è generalmente quindicinale e sono previste circa 10 sedute. 

 

Psicoterapeuta

Il terapeuta aiuta il cliente/coppia/famiglia ad apprendere una lettura diversa della realtà rispetto a quella che fino a quel momento è stata costruita e nuove soluzioni differenti da quelle fin ora trovate. È un viaggio alla ricerca di se stessi, che può aiutare la persona a comprendere ciò che non è possibile capire, ad accettare la paura, ad allontanare il giudizio da ciò che scoprirà di se stessa per rivelarle la meraviglia dei suoi “paesaggi interiori”. La capacità di rivolgersi ad uno psicoterapeuta in un momento di bisogno, quindi il saper chiedere aiuto, è indicativo di un grado di evoluzione e consapevolezza e può essere utile soprattutto nei momenti di crisi, quando si avvertono problemi ricorrenti sul lavoro, in famiglia o nelle relazioni di coppia, nell’ambito della sessualità o quando un evento traumatico rende difficile il normale percorso di crescita e/o lo sviluppo del ciclo vitale.

Un buon lavoro psicoterapeutico consente di affrontare la fatica quotidiana del vivere con una maggiore consapevolezza dei propri mezzi e un sano riconoscimento dei propri limiti. Il successo di una Psicoterapia dipende dalla qualità della interazione dei due apparati psichici e dalla capacità di dialogo autentico che si instaura nella relazione psicoterapeutica in un clima di reciproca fiducia. Le opportunità interpretative offerte dal terapeuta saranno sempre e comunque al servizio e nell’interesse del paziente. 

PSICOTERAPIA INDIVIDUALE: la frequenza delle sedute è generalmente settimanale. L’interesse viene posto ad aiutare l’individuo ad analizzare se stesso per comprendere i diversi modelli relazionali che gli creano sofferenza ed a cercare delle alternative più idonee.
In particolare, nella terapia sistemico-relazionale con l’individuo, l’individuo stesso è considerato un sistema (intendendo la globalità della sua persona), ovvero, l’attenzione è rivolta alla conversazione interna del cliente, alle sue premesse, pregiudizi ed emozioni, alle relazioni tra il suo mondo interno ed il mondo esterno.
L’obiettivo prioritario sarà l’eliminazione dello stato di malessere e della sofferenza della persona. Lo scopo sarà quello di creare un contesto di deutero-apprendimento, cioè di apprendimento ad apprendere, in cui trovare delle soluzioni, delle vie d’uscita da difficoltà e sofferenze. Cercheremo di conoscere il sistema che si è organizzato intorno al problema, cioè gli eventi e le azioni che si sono organizzati intorno ad esso e le relazioni che la persona ha in primo luogo con se stessa, con il partner, con la famiglia, amici, colleghi, ecc., che contribuiscono all’evoluzione e al mantenimento dei problemi.

Il paziente impara a comprendersi, a conoscere le varie parti di sé per integrarle e giungere alla risoluzione di quei conflitti interni che causano il malessere e originano la sintomatologia di cui è portatore. La storia di vita del paziente è strumento utilissimo per consentirgli di rileggere la propria esperienza e la propria evoluzione, curando ferite insanate o mal interpretate, individuando false credenze e distorte immagini di sé, di cui sovente non è consapevole.

FamigliaPSICOTERAPIA FAMILIARE: la frequenza delle sedute è generalmente quindicinale. Prevede la partecipazione di tutta la famiglia, preziosa risorsa soprattutto nelle situazioni di difficoltà, ma anche durante l’infanzia e l’adolescenza di figli. Particolare attenzione è rivolta alle difficoltà di questi ultimi riguardanti la sfera emotivo-affettiva(fobia scolare, iperattività, eccessiva timidezza, ansia, aggressività, demotivazione, difficoltà di comunicazione, ecc…), piccole e grandi preoccupazioni che creano incertezza e apprensione nei genitori.

PSICOTERAPIA DI COPPIA: la frequenza delle sedute è generalmente quindicinale. I coniugi possono entrare in crisi ogni volta che devono ricontrattare il patto coniugale: come per esempio durante la nascita o l’adolescenza dei figli, o quando i figli crescono e diventano indipendenti o all’età della pensione quando dovranno riscoprire modi per passare insieme intere giornate, ecc.

divorzioTERAPIA DEL DIVORZIO: la frequenza delle sedute è generalmente quindicinale. Il lavoro si svolge con la famiglia separata: quando un figlio presenta problematiche; quando non c’è evoluzione dalla separazione alla genitorialità; quando un figlio non vuole vedere un genitore.